Seguici
iBookstore
Android app on Google Play
Like Us
Un programma di
Scoperto un pianeta super-nero e ghiotto di luce
15 September 2017

Emozionanti news arrivano dallo spazio per lupi mannari,  vampiri e tutte le altre creature della notte: è stato scoperto un pianeta completamente nero!

Si tratta di un “esopianeta”, ovvero di un pianeta esterno al nostro Sistema Solare, che orbita attorno a una stella molto lontana. Ad oggi abbiamo trovato oltre 3500 pianeti lontani: alcuni di loro sono davvero strani!

Alcuni “mondi”, per esempio, vengono lentamente fatti a pezzi dalla stella attorno a cui orbitano, altri hanno venti fortissimi che soffiano anche a migliaia di chilometri all’ora. Ce n’è perfino un tipo che ha la superficie completamente ricoperta di ghiaccio che scotta! Insomma, sembra proprio che i pianeti più rari nell’intero Universo siano proprio quelli simili alla nostra Terra!

Ma perché ora siamo così emozionati dalla scoperta di questo nuovo esopianeta completamente nero? Be', uno motivo è che è incredibile il modo in cui siamo riusciti a capire il suo vero colore!

Gli esopianeti sono molto piccoli e molto lontani per cui è già incredibilmente difficile scoprirli, figuriamoci quanto sia difficile capirne dettagli e caratteristiche.

Per fortuna gli astronomi hanno qualche asso nella manica! Gli esopianeti non emettono luce propria, ma riflettono la luce della loro stella compagna. Quindi misurando quanta luce viene riflessa dal pianeta possiamo capire un sacco di dettagli del pianeta stesso. Persino il suo colore.

Le superfici fatte di neve e ghiaccio riflettono tantissima luce, mentre una superficie più scura fatta, per esempio, di erba o di asfalto, ne riflette molto meno.

Il nuovo pianeta è più scuro della pece e praticamente si mangia tutta la luce che la sua stella compagna gli invia. Solo il 10% della luce che lo illumina viene riflessa. Per darvi un metro di paragone la nostra Luna riflette circa il doppio di quanto faccia questo pianeta.

Il colore dipende anche dalla temperatura del pianeta che, in questo caso, è molto superiore ai 2000 gradi. Questo calore estremo, infatti, incide sull’atmosfera del pianeta e impedisce la formazione delle nuvole che, se ci fossero, aiuterebbero a riflettere più luce.

Fatto curioso

Il “mondo” che riflette più luce nel nostro Sistema Solare è Enceladus, una delle lune giacciate di Saturno. Per darvi un’idea, la nostra Luna riflette circa il 14% della luce che la illumina, mentre Enceladus ne riflette circa il 99%!

Share:

Printer-friendly

PDF File
980,8 KB